Quando fare una mentoplastica
24 Febbraio 2020
Rinosettoplastica
Rinosettoplastica Lugano
18 Giugno 2020

Dove fare il lifting

Quando si entra nella determinazione di affrontare un intervento di chirurgia plastica al viso, uno dei primi pensieri che transitano in testa è: dove fare il lifting? Quali sono le strutture ideali? Quali sono i chirurghi più competenti in materia? In questo articolo parleremo del lifting al viso cercando di rimuovere qualsiasi dubbio.

Dove fare il lifting, ne parliamo con Beca Clinique!

Beca Clinique è una struttura medica di alto livello che unisce la professionalità e l’esperienza di tre medici specializzati in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico Facciale, Odontoiatria e Ortodonzia estetica. Una garanzia dunque per tutti i nostri pazienti che, in base alle loro esigenze, possono trovare sempre una risposta qualificata.

Che cos’è un lifting?

Un lifting, noto anche come ritidectomia, deriva da una combinazione di due parole greche: rhytis o rughe e ektome o escissione, è una procedura medica che prevede la rimozione chirurgica delle rughe sul viso. Questa procedura è tipicamente di natura estetica e prescritta a pazienti che cercano un aspetto più giovane.

Già nel 1900, i chirurghi eseguivano questa procedura principalmente tirando le parti cascanti del viso e tagliando via la pelle in eccesso. Secondo la tradizione medica, la prima ritidectomia fu eseguita nel 1901 a Berlino, dove un chirurgo di nome Eugen Hollander rispose alla richiesta di una paziente anziana di sollevare le guance e gli angoli della bocca.

Una procedura sicura e ricercata!

Nonostante la sua storia relativamente breve, le procedure di lifting sono, al momento, una delle procedure chirurgiche cosmetiche più ricercate. A partire dal 2011, l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery ha dichiarato i lifting come una delle procedure estetiche più popolari, subito dopo la liposuzione, i rialzi e gli impianti del seno, gli addominoplastica e la chirurgia delle palpebre. La ritidectomia è prescritta a pazienti che manifestano rilassamento cutaneo o rilassamento della pelle in diverse parti del viso, comprese le guance, l’area della bocca o la mascella. Altri pazienti che possono essere candidati per la ritidectomia sono quelli con:

  • Pieghe profonde sotto le palpebre inferiori.
  • Pieghe profonde nella piega naso labiale o sotto il naso e intorno alla bocca.
  • Guance o rilassamento della pelle nella parte inferiore del viso a causa di una significativa perdita del tono della pelle.
  • La presenza di depositi di grasso in eccesso e pelle flaccida sotto la mascella e il mento, che potrebbero apparire come doppi menti, anche nelle persone con peso normale.

Obiettivi e procedure di ringiovanimento! 

Dove fare il lifting

L’obiettivo primario della ritidectomia è ripristinare un aspetto più giovane del viso. Man mano che le persone invecchiano, la consistenza e la flessibilità della loro pelle, compresa la pelle del viso, diminuiscono significativamente.

L’età può anche causare cambiamenti significativi nelle profonde strutture anatomiche del viso, tra cui il grasso della guancia, il muscolo platisma e il muscolo orbicolare dell’occhio.

Esistono molti tipi di procedure di lifting, che variano a seconda delle incisioni, del livello di invasività e dell’area del viso in cui viene eseguita la procedura.

Diversi tipi di procedure di lifting comprendono:

  • Lift tradizionale. In questo tipo di lifting, il chirurgo esegue un’incisione sulla parte anteriore dell’orecchio, che si estende fino all’attaccatura del paziente. Quando l’incisione si avvicina alla parte inferiore dell’orecchio, verrà curvata fino alla parte posteriore dell’orecchio, dove finirà alla nuca del paziente. La pelle flaccida verrà separata dai tessuti più profondi del viso del paziente e sarà tesa prima della sutura o della graffatura.
  • Lift SMAS. Il Lifting del Sistema Aponeurotico Muscolare Superficiale o Lift SMAS è una procedura di lifting che prevede il riallineamento dei legamenti sospensivi con l’obiettivo di racchiudere il grasso della guancia e mantenerlo in posizione.
  • Lifting aereo profondo. Questo è generalmente raccomandato ai pazienti che desiderano sollevare o riallineare le loro pieghe nasolabiali. Questa tecnica si è evoluta da SMAS Lift, ma la procedura è abbastanza diversa. Invece di riallineare lo SMAS, un lifting del piano profondo in genere comporta la liberazione dei muscoli e del grasso delle guance dall’osso a cui sono attaccati. Naturalmente, questo tipo di lifting non viene senza rischi e, se fatto in modo errato, un paziente può soffrire di nervi facciali danneggiati.
  • Lifting composito. In questa tecnica, il chirurgo mira in genere al riposizionamento e alla mobilizzazione di strati di tessuto più profondi. In un lifting composito, il muscolo orbicolare del paziente, così come la sua fissazione e riposizionamento saranno di primaria importanza.
  • Mid-Facelift. Questa tecnica è spesso prescritta per le donne le cui aree del viso centrale si sono appiattite a causa dell’età. Tuttavia, è importante notare che solo coloro che non hanno un grado significativo di cedimento del collo e della mascella possono beneficiare di questa tecnica.
  • Sollevamento con fili. Considerata da molti chirurghi come una delle procedure meno invasive che ringiovaniscono il viso, è raccomandata per i pazienti che vogliono avere piccoli miglioramenti sui loro volti. Un lifting del filo spesso colpisce la caduta o il rilassamento della pelle intorno alla zona degli occhi, alla piega nasolabiale e alla fronte. Questa tecnica può essere eseguita in anestesia locale, con i fili utilizzati nella procedura che rimangono in posizione anche anni dopo la procedura.
  • Lifting solo per la pelle. Come suggerisce il nome, il lifting solo per la pelle non prende di mira i tessuti più profondi, i muscoli, i legamenti o altre strutture facciali. Questo è spesso raccomandato ai pazienti il ​​cui unico problema è la pelle del viso anelastica o rilassata. Tuttavia, gli effetti possono durare solo da sei mesi a un anno.
  • Lifting superiore. Questa tecnica prevede il sollevamento verticale dei tessuti molli del viso e lo sposta completamente dalle ossa facciali sottostanti.
  • Sollevamento MACS. Conosciuto anche come Minimal Access Cranial Suspension Lift, questa tecnica mira a correggere il rilassamento dei lineamenti del viso con piccole incisioni per elevare e sospendere i tessuti dall’alto. L’ascensore MACS è generalmente considerato un’ottima alternativa a un lifting tradizionale perché le incisioni sono più piccole.

Quando dovresti vedere un chirurgo estetico per un lifting

Se l’obiettivo è migliorare le caratteristiche del viso, a causa di rilassamento cutaneo e lassità della pelle e dei tessuti, è necessario consultare un chirurgo plastico ricostruttivo specializzato in questa procedura. Dove fare il lifting è una domanda aperta che necessita di più risposte.

Per quanto abbiamo scritto è evidente che tali tecniche devono essere praticate esclusivamente da professionisti qualificati, in strutture approvate e sicure. Sebbene l’offerta di queste procedure sia ampia e spesso con prezzi molto discostati tra di loro, la cosa migliore da fare è sempre quella di rivolgersi a strutture consolidate che propongono specialisti di grande esperienza.

Conclusione

Beca Clinique, oltre ad uno staff medico e una struttura d’eccellenza, i pazienti vengono seguiti singolarmente dalla figura dell’assistente medico. Questo assistente vi seguirà PRIMA, DURANTE e DOPO il percorso che dovete intraprendere, fornendovi un’assistenza personalizzata e gratuita! Per maggiori informazioni non esitate a contattarci. Se siete interessati al lifting facciale, chiamateci! Saremo lieti di potervi dare tutte le informazioni utili per ridefinire il vostro viso per ottenere un consistente ringiovanimento del volto.

Chiamaci allo +41 79 954 99 63

Telefono
Whatsapp
Email